Iveco 380 e 389, i primi bus del XXI secolo

Con il nuovo millennio e la trasformazione dell’azienda da Consorzio in Compagnia Cotral inizia a soffrire una nuova crisi sostanzialmente dovuta al mancato rinnovo dei mezzi: l’ultima consegna rilevante era avvenuta in occasione dei Mondiali del 1990.
Per adeguarsi alla trasformazione del mercato del trasporto pubblico, che era stato parzialmente liberalizzato (Dlgs 422/97 e la successiva Legge regionale 30/98) e far fronte alla concorrenza privata vengono acquistati, tra il 1997 e il 2000, ben 306 Iveco Euroclass 380, identificati con le matricole da 5001 a 5306. Questi autobus nascono come ideali successori dei 370. In particolare Cotral acquisirà tali autobus nella versione H, lunga 12 metri e alta 3,56 con motore Fiat 8460.41S da 380 cavalli. Per gli utenti saranno anche le prime corriere regionali dotate di aria condizionata.
Proseguendo il processo di rinnovamento della flotta, Cotral acquista nel 2003 ulteriori cinque vetture Iveco Irisbus Euroclass 389E.12.35 immatricolate 5307, 5308, 5309, 5310, 5311. Sebbene questi autobus siano del tutto simili ai precedenti 380, gli Iveco 389 portano con sè alcuni miglioramenti tecnologici nel rispetto della normativa Euro 3 come nuovi fari più visibili e motori Cursor 8 da 352 cavalli.

La vettura 5078 (Iveco 380) in uscita dal capolinea Anagnina. Foto Andrea Maria D’Emidio

La vettura 5465 (Iveco 389). Foto Andrea Maria D’Emidio

L'Euroclass 389 matricola 5307 della prima serie del 2003 in sosta a Torvaianica in Piazza Italia. Foto Francesco Alessandri

L'Euroclass 389 matricola 5493 della seconda serie in sosta ad Anagnina. Foto Francesco Alessandri

Il successo di queste prime cinque vetture porta l’azienda ad acquistare un secondo e ben più consistente lotto di 387 mezzi (matricole 5401-5787). La fornitura inizia il 5 marzo 2004 con l’immatricolazione delle prime cinque vetture (da 5401 a 5405) e termina nel 2005. Rispetto al primo lotto, la livrea di questi mezzi è blu scuro nella parte inferiore e bianca nella parte superiore. Per gli appassionati gli autobus del primo lotto rappresentano delle vere e proprie “mosche bianche” in quanto si tratta di nuovi Iveco 389 che però vestono interamente la livrea blu chiaro dei precedenti Iveco 380. Ad oggi gli Iveco 380 e 389 rappresentano la parte più consistente della flotta di Cotral, con oltre 600 autobus che ogni giorno circolano in tutto il Lazio.

Carlo Andrea Tortorelli
Andrea Maria D’Emidio