Fatturazione titoli di viaggio

Privati
La richiesta di fattura può essere fatta solo contestualmente all’acquisto del titolo e presso i nostri canali diretti: biglietterie aziendali e vendita online.
La legge di Bilancio 2018 ha introdotto una detrazione Irpef del 19% per le spese sostenute per l’acquisto degli abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale, su un costo annuo massimo di 250 euro. L’agevolazione riguarda sia le spese sostenute direttamente dal contribuente per l’acquisto di un abbonamento del trasporto pubblico, sia quelle affrontate per conto dei familiari fiscalmente a carico.
Per beneficiare della detrazione, non si è tenuti a richiedere la fattura, ma basta conservare l’originale del titolo di viaggio, se cartaceo, oppure lo scontrino di ricarica in caso di tessera elettronica. Per approfondimenti, consultare il portale dell’Agenzia delle Entrate.

Professionisti e soggetti giuridici con partita iva
Come per le persone fisiche, la richiesta di fattura può essere fatta solo contestualmente all’acquisto e presso i nostri canali diretti: biglietterie aziendali e vendita online.
Dal 1° luglio 2018 non sono più accolte richieste di fatturazione per titoli Cotral e Metrebus Lazio acquistati presso rivenditori terzi.

Come richiedere la fattura
Per gli acquisti online, basta compilare il form che si apre al termine della procedura di ricarica delle tessere elettroniche.
Per gli acquisti in una delle biglietterie aziendali, occorre fare richiesta di fattura inviando una pec all’indirizzo cotral.spa@pec.cotralspa.it.

Imprese distributrici di titoli di viaggio
Le imprese che acquistano grossi quantitativi di titoli di viaggio per la successiva distribuzione devono emettere fattura a favore di Cotral SpA per l’aggio che viene loro riconosciuto sulla vendita. L’operazione è soggetta al versamento dell’iva 22% in regime di split payment.