Il trasporto locale del Lazio. Una storia che viene da lontano

1899. Nasce la STEFER

Tutto ha avuto inizio il 29 novembre 1899 con la costituzione della STEFER, la prima Società delle Tramvie e Ferrovie Elettriche di Roma. Fu questo il primo tentativo di costituire una rete di trasporto pubblico nella Regione Lazio.

Attraverso questa Società la politica dei trasporti di allora intendeva convogliare gli investimenti in un’attività che fosse davvero utile alla collettività. Il programma, che prevedeva l’impianto e l’esercizio “di ferrovie e tramvie a trazione animale a vapore o a elettricità con qualsiasi sistema” fu presentato alla Provincia e al Comune di Roma e diede il primo impulso alla vasta rete di collegamenti di tram, treni e bus che si estese poi anche alla provincia di Frosinone, lungo le vie Casilina, Anagnina, Prenestina, Tuscolana, Appia e verso la città di Ostia.

1941. STEFER acquista la ferrovia Roma-Ostia Lido

Il 1941 rappresenta un anno particolarmente importante nella storia dei trasporti pubblici del Lazio. Il 26 luglio di quell’anno, infatti, STEFER acquistava la ferrovia Roma-Ostia Lido (inaugurata il 10 agosto 1924 dalla S.E.F.I. e poi ceduta all’I.R.I.) e, il 18 agosto dello stesso anno, fu stipulato l’acquisto della ferrovia Roma-Fiuggi (sempre dell’I.R.I. ma già di proprietà della S.F.V.).

1952. Lo Stato affida a STEFER la linea metropolitana Termini-EUR

Riconoscendo il valore sociale dell’attività dell’Azienda di servizi di trasporto e volendo premiare la preparazione dei suoi tecnici, lo Stato decise di affidare a STEFER l’esercizio della linea metropolitana Termini-EUR.

Il 22 aprile 1952, alla presenza del Presidente della Repubblica Luigi Einaudi, fu attivata la tratta di collegamento tra la stazione Magliana della ferrovia Roma-Lido e l’intera tratta Termini-EUR.

1976. Da STEFER e S.R.F.N. nasce A.CO.TRA.L.

Il 6 novembre 1976 la STEFER e la S.R.F.N., confluivano nell’A.CO.TRA.L.- Azienda Consortile Trasporti Laziali. Alla fine degli anni ’70, nell’ambito del programma di ampliamento della rete metropolitana di Roma, all’A.CO.TRA.L. fu affidata la gestione della linea A (aperta all’esercizio nel 1980), alla cui realizzazione aveva ampiamente collaborato.

1993. Nasce CO.TRA.L. il Consorzio dei Trasporti Pubblici del Lazio

In attuazione della Legge di Riforma delle Autonomie Locali (8 giugno 1990, n.142), il 24 febbraio del 1993 l’A.CO.TRA.L. divenne infine CO.TRA.L.- Consorzio Trasporti Pubblici Lazio.

CO.TRA.L. riceveva in eredità dall’A.CO.TRA.L. le concessioni regionali per trasporto pubblico extraurbano su gomma; quelle del Comune di Roma per l’esercizio delle linee Metropolitane A e B e quelle del Ministero dei Trasporti per l’esercizio delle Ferrovie Roma-Lido, Roma-Pantano e Roma-Viterbo.

A questo nuovo Ente Pubblico Economico CO.TRA.L. veniva affidata la gestione diretta, in forma associata, del servizio di trasporto collettivo di persone nell’ambito del Comune di Roma e delle cinque Province del Lazio.

Nel 1996, le Amministrazioni Provinciali di Roma, Frosinone e Latina sono uscite dall’Ente Consortile. Di conseguenza dal 1° gennaio 1997 l’Ente era costituito dalle sole Amministrazioni del Comune di Roma e della Provincia di Rieti e Viterbo, che hanno riconfermato il vincolo consortile.

1997. COTRAL, dalla Società Consortile alla Spa

Nel 1997 CO.TRA.L. – Consorzio Trasporti Pubblici del Lazio era quindi, ufficialmente, l’unica rete di trasporti che collegava i centri della Regione.

Per superare la situazione di monopolio che si era creata (così come richiesto dalla normativa europea, dal decreto legislativo n.422/97 e relativa legge di attuazione regionale e dalle delibere del comune di Roma), avvalendosi delle procedure semplificate della Bassanini Bis, CO.TRA.L. si è quindi divisa in due società per azioni: Metroferro Spa e Linee Laziali Spa, che nel 2001 hanno assunto rispettivamente il nome di Met.Ro. e di Cotral Spa.

Azionista unico di Cotral Spa – Compagnia dei Trasporti Laziali è la Regione Lazio.

Oggi siamo la maggiore azienda italiana di trasporto extraurbano su gomma e facciamo viaggiare milioni di passeggeri ogni anno. Ogni giorno facciamo molta strada per portare i nostri passeggeri in 376 comuni della regione. Venti ore di lavoro e 8.472 corse quotidiane.

Certo c’è ancora molta strada da fare. Molte cose sono cambiate negli ultimi anni e anche noi continuiamo a cambiare, per avvicinarci sempre di più alle esigenze di chi, ogni giorno, sale a bordo dei nostri mezzi.

La storia di Cotral continua e, in questa storia, la nostra prossima meta sei tu.